Torniamo a Katharine Johnson.
Nella prima parte vi ho parlato di quanto fosse assolutamente in sintonia con Nikolino, di quanto sentisse la periodica necessità di averlo vicino e di come lui, forse anche un po’ ingenuamente, amasse sentirsi indispensabile per lei.

Lei era solita scrivergli per metterlo a parte dei suoi pensieri, della sua vita e dei suoi stati d’animo. Gli scriveva anche di argomenti futili per riempire il vuoto della loro distanza materiale. Spesso si lasciava andare a confessioni che, se giunte a Bob, sarebbero potute risultare compromettenti.
La cosa più incredibile è stato l’apprendere che Tesla rispondesse e lo facesse anche rimarcando i toni del mittente.
Katherine, a quanto pare, divenne importante anche per lui.

Dalla corrispondenza privata emersa dopo la morte di Nikolino apprendiamo i toni della loro “relazione”.

Katherine gli scriveva:

You are overworked Mr Tesla, and you should take an holiday”.
“Stai lavorando troppo Mr Tesla, dovresti prenderti una vacanza”

E lui:

“I get all the nourishment I require from my laboratory. I know I am completely worn out and yet I cannot stop my work. These experiments of mine are so important, so beautiful, so fascinating, that I can hardly tear myself away from them to eat, and when I try to sleep I think about them constantly. I expect I shall go on until I break down altogether. Come, let us go there for out dessert. Be prepared for a surprise or two.”  

“Il mio laboratorio mi fornisce tutto il nutrimento di cui ho bisogno. Sono stanco ma non posso mettere da parte il mio lavoro. Questi esperimenti sono così importanti, meravigliosi e affascinanti che quasi non riesco a staccarmi da loro per mangiare, e quando provo a dormire penso a loro costantemente.  Andrò avanti fin quando non sarò sfinito. Vieni, andiamo al solito posto per il dessert. Tieniti pronta per una sorpresa…o forse due.”

Vi chiederete: di che sorpresa si tratta?
No signori maniaci, niente sesso sfrenato fra i Tesla Coil. Quella sera Tesla le mostra il prototipo della prima lampada al neon.
E non finisce qui.
In concomitanza del Natale serbo, Katharine invia un mazzo di fiori a Nikolino che le scrive sorpreso:

“I have to thank Mrs. Johnson for the magnificent flowers. I have never…received flowers before, and they produced upon me a curious effect”.
“Devo ringraziare la signora Johnson per I bellissimi fiori. Non ho mai ricevuto fiori prima d’ora; hanno prodotto su di me un effetto curioso.”

Cosa significhi “effetto curioso” nel Teslabolario non è dato saperlo.dfghj
Comunque, WOW, inviare fiori ad un uomo è qualcosa di terribilmente audace!
Katharine e Niko diventano di prepotenza la mia ship preferita.

Bene signori, dopo una prima fase di riscaldamento, si passa ai contenuti forti.
Da qui in poi, Katharine inizia a vomitare arcobaleni e doppi sensi.
Io vi ho avvisati. 
parental-advisory1

Dear Mr Tesla,
I have had such a wonderful experience the past three years. So much of it is already gone  that I sometimes fear it will all pass away with me and you of all persons ought to know something of it for you could not fail have a scientific interest in it. I call it thought transference for want of a better word. Perhaps it is not at all that. I have often wished and meant to speak to you of this, but when I am with you I never say the things I had intended to say. I seem to be only capable of one thing. Do come tomorrow.
sincerely yours,

Katharine Johnson.

 

Caro Mr Tesla,

Ho avuto una meravigliosa esperienza in questi ultimi 3 anni. Gran parte oramai è passata, tanto che a volte temo passerà tutta e tu, tra tutte le persone che dovrebbero saperne qualcosa, non puoi non averne un interesse scientifico. Io la chiamo “trasferimento di pensiero” per mancanza di una parola migliore. Forse non lo è affatto. Ho spesso desiderato e voluto parlartene, ma quando sono con te non dico mai le cose che vorrei dire. Sembra che sia capace solo di una cosa…
Vieni domani,

Sinceramente tua

Katharine Johnson

In quest’ultimo estratto, Katharine si riferisce ad una fantomatica connessione mentale con Tesla.
In più occasioni Katharine affermò di percepire gli stati d’animo di Nikolino o, addirittura, di riuscire a capire cosa stesse facendo pur non essendo con lui.

Ricorrente nella corrispondenza sono le esortazioni all’incontro o i toni preoccupati:

“Dear Mr. Tesla, I shall expect to see you tomorrow evening.”
“Caro signor Tesla, mi aspetto di vederti domani pomeriggio”

“Come soon.”
“Vieni presto”

“Will you come to see me tomorrow evening? And will you try to come a little early? I want very much to see you and will be really disappointed if you do not think my request worthy of your consideration.”
“Domani verrai per vedermi? Proverai a venire un po’ prima? Desidero molto vederti e sarebbe una delusione se non considerassi la mia richiesta degna di attenzione.”

Marc Seifer, dimostrando una vocazione da “pettegola” che vicina zitella di mia nonna LEVATI, ci ricama allegramente su e scrive:

“Tesla did his best to overlook the erotic tension emanating from Katharine. With Bob out of the room, Katharine was too intense. She claimed a telepathic link to the wizard, her breast palpitated when he was near, hormones gushed. On one occasion she edged them to the line. He had no choice but to withdraw.”  

“Tesla faceva del suo meglio per ignorare la tensione erotica emanata da Katharine. Con Bob fuori dalla stanza, Katharine era molto intensa. Dichiarava un collegamento telepatico con Tesla, il suo cuore palpitava e i suoi ormoni andavano fuori controllo. Quando superava il limite era costretta a ritirarsi.”

Sì Katharine, ho capito che ti faceva arrapare, però stai calma!

Insomma, per gli standard dell’epoca, questo genere di corrispondenza è da considerarsi sintomo di un sentimento più profondo dell’amicizia. Se, inoltre, lo si associa ad una personalità come quella di Tesla allora se ne rimane assai stupiti e un po’ inteneriti. Che carucci!

Ad ogni modo, Katharine McMahone Johnson morì nel 1925. La corrispondenza fra Nikola e Katharine verrà ritrovata insieme ai brevetti custoditi nella famosa cassaforte all’hotel New Yorker.