Purtroppo è una realtà che va affrontata: ci sono atenei che, sulla carta, sono migliori di altri e le aziende lo sanno. Premettendo che un ipotetico studente possa studiare ovunque voglia, quali sarebbero i posti in cui, ad oggi,  conviene studiare Ingegneria? È presto detto. Esaminiamoli insieme:

Atenei in cui conviene studiare ingegneria

Credits: Censis

POLITECNICO DI MILANO E TORINO

Secondo la graduatoria del Censis sulle migliori università statali italiane in cui studiare Ingegneria, il terzo posto è confermato a pari merito ai due politecnici di Milano e Torino (con 99,5 punti di media):  luoghi certamente dediti più di altri all’insegnamento delle discipline tecniche.  L’ateneo lombardo eccelle per la “progressione delle carriere“, aspetto per cui ottiene 110 punti, il risultato massimo. Anche in Piemonte, però, le carriere dei laureati non sono così male: in questo caso il punteggio 106. Decisamente peggio, in entrambe i casi, i “rapporti internazionali“: Torino si ferma a 93 punti, Milano addirittura non va oltre 89 punti.

UNIVERSITÀ DI TRIESTE

Grande balzo in avanti per l’Università di Trieste che lascia il decimo posto di dodici mesi fa per proiettarsi fino in seconda posizione. La “forza” dell’ateneo triestino risiede soprattutto nelle prospettive di carriera che può dare ai propri studenti: 104 sono i punti della sua valutazione in quest’ambito. Avrebbe forse potuto ambire anche al vertice della classifica se non si fosse fermata a 93 punti per i “rapporti internazionali”.

UNIVERSITÀ DI MODENA E REGGIO EMILIA

Al primo posto della classifica dei migliori atenei pubblici d’Italia per studiare Ingegneria, si conferma            l’ Università di Modena e Reggio Emilia, con 103.5 punti di media. Il suo segreto è sempre quello: i “rapporti internazionali”, aspetto che gli vale il punteggio massimo (110 punti); molto buona anche la “progressione delle carriere”, valutata 97 punti.

Una realtà, purtroppo, dura da affrontare è che la maggior parte delle peggiori Università sono situate nel Sud Italia, motivo che inasprisce ancora di più l’eterno confronto tra Nord e Sud. Non resta che augurarci che il futuro ci riservi 40 Università posizionate tutte al primo posto.

Vorrei, però, ricordare una cosa a tutti: Questi sono pareri che non rendono un’Università migliore di un’altra. Se valete come persone, non conta dove vi siete laureati. Quindi, sempre e comunque, testa alta e portate sempre in alto la facoltà di Ingegneria!